Perché i musulmani non bevono alcolici: scopriamolo

perche i musulmani non bevono alcolici

I musulmani hanno delle restrizioni che secondo coloro che credono nel cristianesimo, potrebbero risultare persino assurde. Tra le più “clamorose”, il divieto di consumare alcolici. Ma per quale motivo chi crede nella civiltà islamica non può assumere bevande alcoliche?
Il motivo è legato ai danni che l’alcol provoca all’organismo. Gli islamici infatti, conoscono bene il Corano e tutto ciò che secondo tale scrittura, è proibito fare o in questo caso assumere. Secondo tali scritture religiose il corpo umano sarebbe paragonabile a come un tempio sacro, da rispettare in ogni suo gesto.

Motivo per cui il corano proibisce ai musulmani di bere alcolici. Essendo bevande nocive per l’uomo, capaci anche di offuscare la mente, a questo peccato non sembrerebbe esserci rimedio, visto che viene considerata persino una “malattia” da cui solo la forza di volontà sarebbe capace di salvare un uomo.

L’Islam impone sia a donne che a uomini, di rendersi puri di fronte a Dio e di eseguire un rito di lavaggio particolare, detto abluzione. Quest’ultimo si esegue con acqua recitando mantra.

La persona che consuma alcol potrebbe non essere puro e non avere la mente limpida. Anche con le abluzioni potrebbe non essere degno di porsi in preghiera dinnanzi all’Altissimo.

I divieti dell’Islam

L’alcol però, non è soltanto l’unica cosa a non esser concessa dal Corano. Anche cinghiale e maiale sono vietati in campo alimentare. Questa volta la preoccupazione (sempre per il corpo umano), farebbe riferimento alla scarsa igiene di questi animali, che cibandosi di carcasse rischierebbero di portare delle malattie.

Per lo stesso motivo non è concesso mangiare uccelli predatori o altri animali carnivori.

Cibi e bevande a parte, ci sono altre distinzioni ed osservazioni che riguardano unicamente le donne, sono: l’uso del profumo e rossetto in privato, evitando che possano risultare eccessivamente vistose agli occhi degli uomini, il divieto di scoprire i piedi, dell’uso dei tacchi alti e la proibizione degli anelli.

Cosa succede se un musulmano beve alcol? Le regole di vita

Che l’alcol per il Corano è la chiave di qualsiasi male, è chiaro. Ma qualora un musulmano infrangesse questo divieto, che cosa gli accadrebbe? Ogni islamico per cinque volte al giorno deve eseguire il rito wudhu, per purificare il suo corpo.

Se un islamico dovesse consumare alcol, non gli sarebbe concesso di pregare per un mese, viceversa sarà obbligato al pentimento. Un’azione decisamente grave per i musulmani, che credono fortemente nel loro Dio e a cui sono strettamente legati mentalmente.

La religione islamica basa tutto sul buon giudizio, intelletto e razionalità. Senza questi valori, un uomo musulmano non si potrebbe definire all’altezza di questa religione.

Tre valori che però mancherebbero qualora un musulmano consumasse alcolici. Perché come abbiamo detto, il potere dell’alcol è quello di annebbiare la mente, causando assenza di lucidità e distrazione.

Questa “legge islamica”, viene osservata da tutti i musulmani, che di fatto essendo fortemente credenti al loro credo, quasi tutti (se non la maggior parte), rispettano il divieto di bere alcol.

È bene sottolineare che tutte le regole devono essere osservate indistintamente da uomini e donne, nessuna esclusione o discriminazione.