Mi hanno detto che il riso rosso fermentato riduce il colesterolo, sapete dirmi se è vero?

Elenco domandeCategoria: SaluteMi hanno detto che il riso rosso fermentato riduce il colesterolo, sapete dirmi se è vero?
Antonino domanda effettuata 3 anni fa

1 Risposte
Amministratore Staff risposta 3 anni fa

Il lievito di riso rosso contiene naturalmente una famiglia di sostanze, dette monacoline, che possiedono tutte le proprietà di agire come inibitore di un enzima “HMG-CoA riduttasi” che regola la sintesi del colesterolo nel fegato. Questo inibizione provoca una diminuzione delle LDL (il colesterolo cattivo) e un aumento delle HDL (il colesterolo buono).

Il riso rosso fermentato è composto da ben 13 monacoline tra cui quella detta K , ovvero quella potassica. La monacolina K presente negli integratori a base di riso rosso fermentato, venduti online e nelle parafarmacie, può essere chimicamente paragonato alla lovastatina, un farmaco appartenente alla categoria delle statine, normalmente utilizzate per il controllo dei livelli di colesterolo ematico.

Precauzioni ed effetti collaterali

  • Tutti gli integratori che inebiscono la “HMG-CoA riduttasi” se assunti per lungo tempo e in gran quantità, provocano un abbassamento del coenzima Q10, una importante molecola antiossidante che quindi andrà assunta tramite opportuno integratore insieme al riso rosso fermentato.
  • Durante il periodo di assunzione di riso rosso fermentato astenersi dal bere succo di pompelmo (ricordate che questo alimento interferisce con moltissimi farmaci).
  • Su alcune persone si possono verificare gravi e persistenti dolori alla muscolatura degli arti. Praticamente possono avere certi effetti collaterali delle statine. Conviene quindi sempre chiedere un parere medico prima di iniziare l’assunzione.
  • L’uso è sconsigliato a donne in gravidanza e alle persone con più di 70 anni, inoltre è da evitare per chi soffre di insufficienza renale e per chi soffre di malattie epatiche (problemi al fegato).